Homepage ES

Reparto Ecosistemi e Salute (ES)

Responsabile: Dott.ssa Laura Mancini Personale  

 

Pubblicazioni


Il Cambiamento Ambientale e l’evoluzione dell’antropizzazione in atto possono alterare gli ecosistemi e quindi costituire un potenziale rischio per la salute umana. L’evoluzione socioeconomica, e le conseguenti attività produttive comportano il rilascio e l’immissione nell’ambiente di molteplici contaminanti chimici e microbiologici, spesso emergenti la cui diffusione, interazione e gli effetti sulla salute sono spesso ignoti o poco conosciuti. Come raccomandato negli obiettivi strategici di sviluppo sostenibili delle Nazioni Unite, nelle direttive europee di settore nel piano di azione europeo sull’ambiente nell’ambito dell’agenda strategica di ricerca europea (HORIZON 2020: Programma Quadro europeo per la Ricerca e l’Innovazione: 2014 – 2020) è necessario, per poter contrastare tali sfide, adottare un approccio di prevenzione che si basi sulla conoscenza e lo studio degli ecosistemi nella loro globalità, inclusi quelli urbani.

Il  reparto “Ecosistemi e salute” si avvale del personale di ruolo e della collaborazione dei ricercatori, collaboratori tecnici e altro personale in formazione.

In questo contesto, la “mission” del reparto è centrata sull’individuazione e promozione di strategie e approcci di prevenzione primaria per mitigare i possibili effetti sulla salute della popolazione derivanti da problematiche complesse come i cambiamenti globali ambientali, l’antropizzazione, la presenza di contaminanti emergenti e gli eventi estremi. La metodologia generale impiegata si basa su un approccio integrato con finalità pre–normative e di ricerca.

Il reparto è accreditato UNI CEI EN ISO/IEC 17025, da ACCREDIA al N. 1033 per la valutazione dello stato ecologico, per l’analisi ecotossicologiche e per il campionamento di matrici ambientali svolte all’interno del Sistema Gestione Qualità del Dipartimento. La programmazione triennale delle attività di ricerca ed economica è strettamente connessa a detti progetti, i vari piani economici ad essi collegati sono disponibili sul programma accordi dell’Istituto Superiore di Sanità.

L’approccio metodologico:

La metodologia generale impiegata si avvale di strumenti quali il monitoraggio, lo studio, la valutazione degli effetti e degli impatti sugli ecosistemi.  Si basa su un approccio integrato con finalità pre–normative e di ricerca, anche attraverso la partecipazione e collaborazione a progetti di ricerca e gruppi di lavoro nazionali, europei; la metodologia include, tra l’altro, l’applicazione di tecniche innovative di tipo ecotossicologico, ecologico e microbiologico.


[torna a -> inizio pagina]

home di Dipartimento->

I commenti sono chiusi.