Homepage QAS

REPARTO  Qualità dell’Acqua e salute (QAS)

Responsabile: Dott. Luca Lucentini  Personale  

 

MISSION

Il Reparto Qualità dell’Acqua e Salute svolge ricerche e controlli multidisciplinari inerenti gli aspetti di salute umana e i rischi sanitari associati alle acque e alla qualità di queste, in relazione all’origine delle risorse idriche, alle loro interazioni con le componenti ambientali e antropiche, agli usi e riusi delle acque, alle diverse vie di esposizione dirette e indirette correlate all’utilizzo umano.

Ricerca Istituzionale     

Il Reparto svolge attività di controllo per la qualità dell’acqua ad utilizzo umano, su tutta la filiera per la produzione di acqua potabile, sull’acqua superficiale ad uso di balneazione, sulle acque destinate alla wellness e sulle acque costiere e marine, in collaborazione con attività sanitarie e ambientali centrali, regionali o territoriali e/o sistemi di gestione acquedottistici.

Coopera con settori anche diversi da quello sanitario, per l’elaborazione e implementazione di “Piani di sicurezza dell’acqua” (WATER SAFETY PLANS) http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=53909 (DM 17.06.2017) e per la prevenzione e gestione di rischi in materia di acqua, ciclo di rifiuti, inquinamenti anche con implicazioni di sicurezza alimentare e salute pubblica; gli interventi sono articolati in differenti contesti naturali e antropici sull’intero territorio nazionale.

A livello nazionale il Reparto fornisce costante qualificato supporto e collaborazione per Ministero della Salute, Consiglio Superiore di Sanità, Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, alle Autorità sanitarie e ambientali ed altri enti centrali e territoriali preposti alla protezione della salute umana, tutela dell’ambiente, e delle risorse idriche, su problematiche igienico-sanitarie riguardanti acque da destinare e destinate al consumo umano, di balneazione, interne, irrigue, ricreazionali e reflue, incluso il recepimento della dir 2013/51/Euratom sulla radioattività nella acque e dir (UE) 1787/2015 che introduce sistemi di analisi di rischio nella filiera idro-potabile, e coordinando la Sottocommissione Metodi analitici per le acque (DM 21/3/1991). Il Reparto ha svolto  interventi analitici in fase di emergenze idro-potabili, anche sito-specifiche, ed analisi di revisione su richiesta di autorità giudiziarie, autorità sanitarie centrali o periferiche, ARPA o gestori di servizi idrici.

Il Reparto ha funzioni di responsabilità del Sistema di Gestione della Qualità (SGQ) del Dipartimento Ambiente e Salute, accreditato UNI CEI EN ISO/IEC 17025 da ACCREDIA al N. 1033. In ambito internazionale e CE le attività svolte hanno compreso partecipazione, come rappresentanza tecnica ufficiale, alle attività dell’OMS nell’ambito del Regulatory Network of Drinking Water Regulators, del Protocol for Water and Health (WHO-UNECE), al Country Cooperation Strategy WHO – ITALY 2017 – 2022, alle attività in ambito CE per le direttive su acque sotterranee, acque superficiali, acque reflue urbane e acque destinate a consumo umano, in ambito ENDWARE (European Network of Drinking Water Regulators) ed al CIS (CE) per la qualità delle acque sotterranee, Groundwater Working Group Watch List e per linee guida europee sul riutilizzo delle acque, assistenza tecnica CE-TAIEX.

Il Reparto ha quindi consolidato in questi ultimi anni il ruolo di riferimento in materia di sicurezza delle acque da destinare e destinate a consumo umano e della filiera idro-potabile, per l’autorità sanitaria ed ambientale centrale, le autorità sanitarie ed ambientali regionali e territoriali, le autorità giudiziarie, gli enti territoriali, i sistemi di gestione idro-potabili ed altri stakeholders.

 

Ricerca Scientifica

Il Reparto gestisce Progetti di ricerca in collaborazione con le agenzie sanitarie e ambientali territoriali per il monitoraggio delle acque potabili, ricreative e per il riuso

E’ dotato di laboratori con strumentazioni analitiche avanzate sia per parametri inorganici e speciazione (AAS, ICP-OES, ICP-MS) che organici (GC-MS/FID/ECD, IC, LC-API/MS-MS, LC-Q-TOF) e di risorse umane specializzate in chimica analitica, microbiologia, parassitologia e virologia che consentono di coordinare lo sviluppo ed armonizzazione di criteri e metodi di controllo sulle acque a livello nazionale, e di intervenire su tematiche specifiche in ambito di ricerca, in controlli ufficiali e di valenza forense. Molti i progetti internazionali con l’assistenza tecnica, diversi i gemellaggi istituzionali in materia di accesso all’acqua, le analisi di rischio correlate all’esposizione, a risorse idriche in ambienti naturali, agli usi e riusi delle acque nei Paesi: Turchia, Polonia, Estonia, Egitto, Romania, Bulgaria, Georgia, Congo, Vietnam, Sri-Lanka, Giordania.

 

Terza Missione

Il personale del reparto è impegnato in varie attività di comunicazione e divulgazione scientifica. Nel settore della formazione attiva è fortemente impegnato nella formazione degli esperti per lo sviluppo dei Piani di Sicurezza dell’Acqua espletata soprattutto attraverso corsi di cui sono state già realizzate tre edizioni. Ogni anno il personale del reparto sviluppa i corsi per gli studenti delle scuole superiori nell’ambito del progetto dell’Alternanza Scuola-lavoro e svolge docenze e incarichi universitari. Molte sono le attività di tutor per tesi di Laurea Magistrale e di Dottorato e di incarichi universitari. Viene praticata l’attività di disseminazione della cultura scientifica attraverso collaborazioni con Società e Federazioni scientifiche e l’organizzazione di Corsi e Congressi a livello internazionale. Il reparto partecipa alla realizzazione della Notte dei Ricercatori che da alcuni anni viene organizzata nei locali dell’ISS. L’attività scientifica sviluppata all’interno del reparto è ciclicamente comunicata nelle sedi congressuali appropriate e costituisce l’aggiornamento della corrispondente comunità scientifica sui temi specifici.

 

PUBBLICAZIONI DEGLI ULTIMI 5 ANNI DamsaQAS_pubblicazioni.docx

 

home di Dipartimento->;

I commenti sono chiusi.